26-11-2019/02 MCPSteel 26-11-2019/02
info@mcpsteel.com 339/7309243 Linkedin
TORNA ALL'INDICE

02 Il prezzo delle strutture di acciaio è aumentato negli ultimi anni

MITO:
Il prezzo delle strutture di acciaio è aumentato negli ultimi anni.

REALTA':
Il prezzo effettivo delle strutture di acciaio è sensibilmente diminuito negli ultimi quindici anni.


Secondo le statistiche dell'AISI (American lron and Steel Institute), i prezzi dell'acciaio sono aumentati tra il 1989 ad il 1995 mediamente del 2% soltanto, contro il 13% delle materie prime industriali, il 23% dei prezzi al consumo ed il 27% dei servizi.
Su un arco di tempo più lungo (tra il 1982 ed il 1995) lo studio comparativo eseguito dall'AISC -American 1nstitute of Steel Construction indica che i prezzi dei prodotti siderurgici (profilati e lamiere laminati a caldo) sono addirittura diminuiti di circa il 15% in termini reali, mentre il calcestruzzo è nel frattempo aumentato del 20% circa ed il legname da costruzione di oltre l'80%. In Europa tra il 1996 ed il 1999 il prezzo medio spot è diminuito di circa il 30%.
Si prevede tuttavia che la risalita dei prezzi, già iniziata nel 1999, proseguirà lentamente nei due anni successivi.
Il merito va ricercato nella radicale modernizzazione di cui ha goduto negli ultimi 15-20 anni l'industria siderurgica.Acciaierie e lamina­toi obsoleti ed antieconomici sono stati chiusi e sostituiti da impianti moderni e flessibili.
La concentrazione della produzione in pochi grandi gruppi industriali e le profonde ristrutturazioni che hanno radicalmente modificato la mappa dei maggiori produttori di acciaio e derivati, ha permesso inoltre di sfruttare le economie di scala e le sinergie. Infatti le Acciaierie più efficienti riescono - grazie a costi di produzione molto più ridotti del passato - a realizzare profitti anche in periodi di bassi livel­li di prezzi ed a reinvestirli in ulteriori ammodernamenti impiantistici, così perpetuando un circolo virtuoso.
Insieme alla diminuzione dei prezzi dei profilati e delle lamine, si è verificata una notevole riduzione dei costi di fabbricazione della carpenteria metallica, grazie alla diffusione di linee di lavorazione sempre più automatizzate, alla razionalizzazione delle organizzazioni produttive, alla sempre maggiore specializzazione.
A tale riguardo va citata la diffusione dei Centri di Servizio per la prelavorazione dell'acciaio (attualmente in Italia ve ne sono una ses­santina circa, con produzioni annue variabili da qualche decina di migliaia a qualche centinaio di migliaia di tonnellate), che forniscono elementi strutturali tagliati a misura, forati e talvolta anche scontornati con robot di taglio alla fiamma o muniti di piastre saldate con robot, marcati, e se richiesto anche verniciati o zincati a caldo.
I centri di Servizio Acciaio possono fornire elementi prelavorati (di forma, dimensioni e caratteristiche tali da poter essere spesso impiegati direttamente senza ulteriori lavorazioni) a prezzi fortemente competitivi e con tempi di consegna molto brevi, poiché dispongono dell'intera gamma di profilati e di lamiere in grandi quantità per pronta consegna da magazzino.
In particolare i prodotti siderurgici lunghi sono in genere disponibili a magazzino nella massima lunghezza trasportabile per ferrovia (24 metri), che consente combinazioni di taglio ottimali, con notevole riduzione degli sfridi, a vantaggio dell'economicità.
Tutto ciò ha portato ad un aumento dell'efficienza e della capacità produttiva offerta dai mercato, pur in presenza di una riduzione del numero di stabilimenti operativi e della loro dimensione, ed al parallelo generalizzato miglioramento dei livelli qualitativi.